Close

Il trio di Parma

Il Trio di Parma è un complesso cameristico nato nel 1990 al Conservatorio “Arrigo Boito” di Parma.

È composto da Alberto Miodini (pianoforte), Ivan Rabaglia (violino), Enrico Bronzi (violoncello).

Il Trio di Parma si è costituito nel 1990 nella classe di musica da camera di Pierpaolo Maurizzi al Conservatorio “A. Boito” di Parma. Successivamente il Trio ha approfondito la sua formazione musicale con il leggendario Trio di Trieste presso la Scuola di Musica di Fiesole e l’Accademia Chigiana di Siena. Nel 2000 è stato scelto per partecipare all’Isaac Stern Chamber Music Workshop presso la Carnegie Hall di New York.

Il Trio di Parma ha ottenuto i riconoscimenti più prestigiosi con le affermazioni al Concorso Internazionale “Vittorio Gui” di Firenze, al Concorso Internazionale di Musica da Camera di Melbourne, al Concorso Internazionale della ARD di Monaco ed al Concorso Internazionale di Musica da Camera di Lione. Inoltre nel 1994 l’Associazione Nazionale della Critica Musicale ha assegnato al Trio di Parma il “Premio Abbiati” quale miglior complesso cameristico.

Il Trio di Parma è stato invitato dalle più importanti istituzioni musicali in Italia e all’estero e ha collaborato con importanti musicisti quali Vladimir Delman, Carl Melles, Anton Nanut, Bruno Giuranna, Alessandro Carbonare e Eduard Brunner.

Alberto Miodini

Pianoforte

Nato a Parma, ha compiuto gli studi musicali presso il Conservatorio “A.Boito” della sua città sotto la guida di Roberto Cappello; successivamente si è perfezionato con musicisti quali Dario De Rosa, Maureen Jones, Paul Badura-Skoda, Bruno Canino, Leon Fleisher ed Emanuel Ax.

Da oltre venticinque anni è il pianista del Trio di Parma, complesso con il quale si è affermato ai Concorsi Internazionali “Vittorio Gui” di Firenze, ARD di Monaco, Melbourne e Lione. Gli è stato inoltre conferito, sempre come componente del Trio di Parma, il Premio “Abbiati” della Critica musicale italiana per il 1994.

All’attività con il Trio affianca quella solistica, suonando sia in recital (con un repertorio che spazia da Haydn a Nono) che con importanti orchestre quali l’Orchestra Sinfonica dell’Emilia Romagna “Arturo Toscanini”, l’Orchestra Sinfonica Siciliana, l’Orchestra da Camera di Mantova e l’Orchestra del Festival Pianistico di Brescia e Bergamo.

Ivan Rabaglia

Violino

Nato a Parma, Ivan Rabaglia, si è diplomato con il massimo dei voti, lode e menzione d’onore sotto la guida di Grazia Serradimigni e si è poi perfezionato con Franco Gulli, Stefan Gheorghiu, Pavel Vernikov, Ilya Grubert, Zinaida Gilels, Trio di Trieste e Isaac Stern al Chamber Music Workshop di New York.

Insieme ad Alberto Miodini e a Enrico Bronzi ha costituito nel 1990 il Trio di Parma, con il quale ha vinto il 16° Concorso Internazionale Vittorio Gui di Firenze, il 47° Internationaler Musikwettbewerb München, il 1er Concours International de Musique de Chambre de Lyon e il secondo premio al 2nd Melbourne International Chamber Music Competition.

L’attività svolta con il Trio ha portato Ivan Rabaglia a suonare per le più importanti istituzioni musicali italiane ed estere. Suona un Gian Battista Guadagnini costruito a Piacenza nel 1744.

Enrico Bronzi

Violoncello

Dopo aver conseguito il diploma di violoncello inizia a suonare in orchestra divenendo presto primo violoncello nell’orchestra del Teatro alla Scala di Milano, posto che occupa per tre anni. Lascia l’attività di professore d’orchestra per dedicarsi all’attività concertistica sia come componente del Trio di Parma che come solista.

Svolge intensa attività cameristica con il Trio di Parma partecipando alla conquista di premi presso festival a Firenze Monaco di Baviera, Melbourne e Lione. Recentemente si è dedicato anche alla direzione d’orchestra ed ha iniziato un intenso lavoro con l’Accademia dell’Orchestra Mozart di Bologna.

Ha al suo attivo una vasta produzione discografica nella quale spiccano una serie di incisioni di musiche di Luigi Boccherini realizzate per l’etichetta Brilliant Classic.

Suona un prezioso violoncello di Vincenzo Panormo costruito nel 1775.